Connect with us

Hi, what are you looking for?

Notizie

Si torna al cinema con «Minari», toccante film dolceamaro

Premiato agli Oscar, il lungometraggio di Lee Isaac Chung è un intenso racconto di formazione. Tra le novità anche l’attesissimo «Nomadland»

Finalmente si torna davanti al grande schermo. Dopo tantissimi mesi, diverse sale nelle regioni gialle hanno potuto riaprire e proporre titoli molto attesi.
Tra questi c’è senza dubbio «Minari» di Lee Isaac Chung: nato negli Stati Uniti da una famiglia di origine sudcoreana, il regista si è in parte ispirato alla sua infanzia per mettere in scena questo interessante dramma dolceamaro, ambientato negli anni Ottanta.

Al centro una famiglia di immigrati sudcoreani che fatica a sopravvivere facendo lavoretti di basso livello: il padre però è ambizioso, vuole raggiungere qualcosa di più e, per tenere unita la moglie e i figli in un momento difficile, acconsente a far trasferire la suocera a casa loro.Ed è proprio questo personaggio, interpretato dalla bravissima Youn Yuh-jung (premiata con l’Oscar alla miglior attrice non protagonista), il più riuscito dell’intera pellicola: fortemente ancorata alle tradizioni coreane, è una nonna ben poco convenzionale, che porterà nuova linfa vitale all’interno del contesto familiare. In generale, però, è proprio la costruzione delle varie figure in scena a risultare molto efficace e l’intero cast fa un ottimo lavoro per valorizzare i personaggi.

Gioca molto con le emozioni «Minari», film che riesce a regalare momenti divertenti e commoventi nel corso della visione: è un racconto di formazione particolarmente sentito dal suo autore, tanto che lo si potrebbe considerare un “nuovo esordio” nel corso della sua carriera.Traspare una certa costruzione a tavolino nella messinscena e il film può ricordare altre pellicole degli ultimi anni, ma è comunque un prodotto che fa bene il suo dovere, valido nel suggerire riflessioni non banali e forte di una fotografia elegante al punto giusto. Da segnalare che il successo di «Minari» è iniziato al Sundance 2020, dove aveva ottenuto il Gran Premio della Giuria.

Written By

Ha studiato all'Università di Torino e ha una laurea in filosofia.

Potrebbe piacerti anche

Notizie

Arriva nelle sale e su Disney+ il prequel de «La carica dei 101». Tra le novità anche «Il Divin Codino», il film su Roberto...

Notizie

Con un approccio cognitivo-comportamentale Jennifer Ackerman affronta le modalità di comunicazione, gioco e corteggiamento

Notizie

Clamoroso colpo di mercato all’interno del basket italiano: la Virtus Bologna si assicura le prestazioni di Marco Belinelli, cestista internazionale, vincitore di un anello...

Notizie

Elisabetta Rasy traccia una storia dell’emancipazione femminile ripercorrendo le vite emblematiche di Tina Modotti, Dorothea Lange, Lee Miller, Diane Arbus e Francesca Woodman